Barra video

Loading...

domenica 9 novembre 2014

Inaugurata la Mostra Fotografica: "Mascali 1935 -2015 - Una Comunità Parrocchiale in Cammino".


La mostra fotografica “Mascali 1935 – 2015 - Una comunità parrocchiale in cammino” intende ripercorrere per immagini la storia religiosa della nostra città, che distrutta dalla terribile eruzione vulcanica del 1928, fu ricostruita per volontà del governo fascista e per la tenacia della propria popolazione.


L’apertura e la benedizione della Chiesa Madre di San Leonardo Abate, avvenuta il 4 novembre del 1935, ha dato l’avvio ad una storia lunga 80 anni, durante i quali la parrocchia è stata retta da quattro arcipreti: Mariano Vecchio (1922 – 1939), Carmelo Parisi (1939 – 1966), Giuseppe Risiglione (1967 – 2000) ed oggi Rosario di Bella (2000).
Seguendo la scansione cronologica dettata dalla successione degli arcipreti, sono state raggruppate le fotografie che ripercorrono i principali momenti della vita parrocchiale: la festa del patrono San Leonardo Abate, la festa di Maria Ausiliatrice, le attività delle Suore (oggi purtroppo assenti da Mascali) rivolte ai giovani, le attività dell’oratorio e dei gruppi parrocchiali, ed ancora le immagini delle visite dei vescovi, delle prime comunioni, delle cresime, dei matrimoni, dei funerali, del rinomato presepe vivente, e tanto altro ancora.


Non potevano mancare alcune fotografie antecedenti al 1935, ed in particolare quelle relative alla antica città di Mascali prima della eruzione lavica del 1928, e agli anni della ricostruzione, quando la piccola chiesa di Gesù e Maria di Sant’Antonino, l’unica risparmiata dalla lava, ospitò momentaneamente la parrocchia.
Per motivi di spazio non è stato possibile esporre tutte le fotografie messe a disposizioni generosamente dai cittadini di Mascali, e per questo ci scusiamo.


E per motivi di tempo non è stato possibile completare la raccolta di materiali, pertanto tutti coloro i quali volessero arricchire la mostra possono contribuire consegnando copie fotografiche in parrocchia o contattandoci. 











Nessun commento:

Posta un commento